ANTIPIRETICI

Farmaco che riduce la febbre, abbassando la temperatura corporea.
Gli antipiretici appartengono al gruppo di composti farmaceutici denominati FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), tra i quali vi sono anche sostanze ad azione analgesica e altre ad azione antinfiammatoria.

L'azione dei composti antipiretici è di tipo aspecifico, cioè non interviene sulla causa che ha scatenato il rialzo febbrile; essa si esercita sui centri nervosi della termoregolazione, aiutando l'organismo a riportare su valori di normalità il naturale termostato.

In tal senso, gli antipiretici si devono considerare farmaci sintomatici, che curano il sintomo (febbre) e non la causa (ad esempio, un'infezione batterica); per tale motivo, dopo un certo lasso di tempo, dopo che il farmaco viene metabolizzato dall'organismo, l'effetto antipiretico scompare e la temperatura corporea comincia ad alzarsi nuovamente, se nell'organismo persiste l'agente eziologico della febbre.

La febbre rappresenta, comunque, una reazione di difesa dell'organismo che, entro certi valori, non deve essere contrastata; l'impiego di antipiretici risulta utile quando la temperatura corporea raggiunge valori molto alti (38,5-39 °C) e potrebbe causare l'insorgenza di sintomi come tachicardia, agitazione, convulsioni, delirio o abbattimento generale.

I principali farmaci ad azione antipiretica sono l'acido acetilsalicilico (commercialmente noto come Aspirina), il fenilbutazone, la fenacetina e il paracetamolo.
Fatta eccezione per quest'ultimo, gli antipiretici possono dare luogo, se assunti in quantità eccessive, a effetti collaterali anche gravi, tra cui disturbi gastrointestinali, eruzioni cutanee, vomito; in casi particolarmente gravi, possono portare a convulsioni e a coma.

In particolare, una rara malattia associata all'impiego di acido acetilsalicilico è la sindrome di Reye. Per tale motivo, soprattutto nel caso di bambini, viene consigliato il paracetamolo, che non sembra scatenare gli stessi effetti degli altri antipiretici.


Dizionario Medico