ABASIA

Per ginnastica aerobica si intende la resistenza (o dall'inglese endurance: cioè la facoltà del corpo umano di svolgere esercizi muscolari normali, per il maggior tempo possibile), in questa tipologia di esercizi il carburante energetico da bruciare è l'ossigeno.

L'aerobica nasce nel 1968 dal dottor Kenneth Cooper; essa nasce dallo studio delle malattie cardiovascolari e alla necessità del dottor Cooper di perdere 20 kg. Per perdere peso pianificò un piano di esercizi basato sulla pratica di vari sport sfruttando il sistema di consumo energeti aerobico; gli sport maggiormente coinvolti furono: nuoto, corsa e ciclismo. Tutti gli esercizi, da eseguirsi per un periodo di tempo prolungato e con buona intensità, provocavano miglioramento del sistema cardiovascolare, e di conseguenza un miglioramento del fisico stesso tramite l'aumento della massa muscolare e la riduzione della massa grassa.

Successivamente Cooper ideò un sistema per la valutazione dell'allenamento settimanale e suddiviso per punteggi. La sommatoria di tali punteggi mostra il livello di allenamento raggiunto.

Un insegnante di ginnastica di nome Jackie Sorensen non si lasciò sfuggire l'idea; le posture della corse e li trasformò in passi e salti da eseguire sotto una base musicale. Tutto ciò avvenne circa negli anni ‘70 e in questo modo nacque la ginnastica aerobica, la quale riscosse fin da subito un eccellente successo come allenamento corporeo, soprattutto tra gli individui di sosso femminile.

L'aerobica comporta svariati benefici di cui i principali sono:

  • miglioramento degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio;
  • miglioramento del sistema di trasporto di ossigeno;
  • miglioramento della irrorazione sanguigna;
  • miglioramento dei muscoli scheletrici
  • miglioramento delle capacità di coordinazione del corpo e riduzione della fatica nei movimenti

Un allenamento aerobico adeguato si basa sui seguenti principi; essi contribuiscono anche all'aumento del   benessere fisico:
Durata: periodo di tempo che intercorre fra l'inizio e la fine dell'allenamento;
Frequenza :ogni quanto viene eseguito l'allenamento;
Intensità: con quanta energia si svolge l'allenamento.

Con questi esercizi l'organismo umano aumenta la propria resistenza allo sforzo, in correlazione con la prorpia domanda fisiologica (sete fatica, stress,…). Durante l'allenamento non si devono mai sentire sensazioni di bruciore: in questo modo si varcherebbe la soglia di produzione di acido lattico, che determinerebbe la stimolazione di una continua contrazione muscolare, con di conseguenza un ritardo del processo allenante. In questo modo si rischierebbe di rovinare tutto con contrazioni eccessive o adirittura strappi muscolari.

Questo metodo di allenamento se svolto nella maniera giusta dovrebbe tenere conto di svariati fattori quali: età, sesso, alimentazione, fumo per citarne alcuni.

Ad esempio se la persona è fumatrice la carbossiemoglobina oscilla solitamente tra 0.3% e 5.6% (sul consumo giornaliero di nicotina); questo fattore modifica radicalmente le capacità aerobiche degli individui. Essenziali sono anche la respirazione (come e dove si respira), il luogo di allenamento (al chiuso o all'aperto), il metabolismo muscolare (quanta energia viene utilizzata mediamente dai muscoli per la sopravvivenza) ed i fattori ereditari.

L'aerobica è consigliata a tutti senza limiti di età in quanto sfavorisce il degradamento dei vari apparati corporei.
Aerobica
Aerobica
Aerobica

Dizionario Medico